Area riservata

Alasonatti Giampiero

Testo introduttivo letto dal Sindaco al Consiglio Comunale aperto del 27/8/2011:

"L'Italia è un paese nel quale il Consiglio dei Ministri emana oggi un Decreto Legge e domani tutti i partiti e membri della coalizione di maggioranza lo vorrebbero a parole modificare...

L'Italia è un paese dove è assai più facile proporre di tagliare la rappresentanza democratica a 1500 Comuni e relativi loro amministratori, quando il risparmio potenziale massimo sarebbe pari al taglio di meno di 15 parlamentari…ma questo provvedimento forse farebbe meno notizia...

L'Italia è un paese nel quale, per salvare le imprese dalla crisi della produttività si eliminano 3 ponti festivi (che, forse non a caso, fanno parte della storia culturale italiana), a tutto discapito di quelle realtà che vivono, talvolta a stento, di quel poco turismo sopravvissuto alla stessa crisi...

L'Italia è un paese dove si è in difficoltà si continua a chiedere sacrifici ai "soliti noti", anche perché è più sicuro il risultato...

L'Italia è un paese nel quale si combatte la crisi, chiedendo immani sacrifici alla povera gente, ma nel contempo continuando a spendere milioni di euro per acquistare strumenti di guerra quando la nostra costituzione dice tutt'altro...

L'Italia è un paese, dove un ministro della Repubblica dice ad un altro Suo collega "nano di Venezia non rompere i coglioni"...e tutto questo solo per difendere la povera gente della Padania libera...

L'Italia è un paese nel quale qualsiasi proposta fatta da altri, proprio perché tale, è sicuramente sbagliata...

L'Italia è un paese dove è necessario talvolta manifestare il dissenso x ottenere ciò che comunque si sarebbe ottenuto...

L'Italia è un paese nel quale pur di dire qualcosa si parla anche senza aver nulla da dire o, peggio, senza conoscere il merito di ciò di cui si sta parlando...

L'Italia è un paese dove ci hanno insegnato che l'individualismo più sfrenato è la soluzione per tutto, salvo poi accorgersi che c'è assoluto bisogno degli altri con cui condividere quantomeno le difficoltà...

L'Italia è un paese nel quale si soffre di più per una domenica vissuta senza calcio che per l'ennesima domenica passata in un paese straniero in guerra...

L'Italia è un paese dove si è appena festeggiato il 150esimo dell'unità d'Italia, ma fortunatamente, anche in questo caso, senza infierire sul PIL perché i lavoratori hanno rinunciato ad un giorno di ferie..."

 

----------------------------------------------------------------------ooooooooooo-----------------------------------------------------------------------

 

 

Testo della lettera inviata al Prefetto per il susseguirsi dei disagi causati dalle interruzioni di corrente elettrica sui territori comunali di Ala di Stura e Balme:

Scarica la lettera inviata al Prefetto

Il 14 e poi il 28 giugno 2011 si sono svolte due riunioni in Prefettura alla presenza, oltre che del delegato prefettizio, dei rappresentanti dei due Comuni proponenti e di quelli ENEL e SMAT.

A valle della seconda riunione si è definito che le aziende proporranno a breve un protocollo d'intenti da sottoporre ai consigli comunali interessati, al fine di addivenire alla possibile soluzione dei problemi evidenziati con relativi necessari investimenti infrastrutturali.